Greater Palm Springs

Greater Palm Springs

Una città una sorpresa, Greater Palm Springs è stata la prima sosta di questo nostro nuovo viaggio alla scoperta del grande Sud Americano. Siamo in California, giunti nella splendida oasi di Palm Springs a bordo del nostro Ford F150 e restiamo incantati dalla bellezza del posto e dalla caratteristica accoglienza di questa città nascosta tra le palme e contornata da alte montagne rocciose che ne preservano il clima ottimo durante tutte le stagioni dell’anno.

Ecco quindi che a Palm Springs le persone vengono in vacanza, a rilassarsi e godere delle terme; oltre che dei sentieri e dei paesaggi di montagna e del deserto circostante.

Palm Springs – come raggiungere la città

Il viaggio a bordo del nostro favoloso Ford F150 King Ranch si è rivelato comodo e rapido; da Los Angeles abbiamo preso la interstate I10 in direzione west ed in circa 2 ore siamo giunti a destinazione. Una vera sorpresa, scollinare le montagne marroni e brulle e trovarsi davanti un’oasi di palme molto suggestiva; preceduta da un parco eolico di dimensioni incredibili.

Uscire dall’autostrada e trovarsi immersi tra i mulini a vento, offre una strana sensazione; dopodichè proseguire verso il centro città è molto piacevole, infatti ogni singolo giardino, ogni singola via è molto ben curata. L’arredo urbano è perfetto in ogni dove e le palme si stagliano verso il cielo a dominare le nuvole e creare una vegetazione incredibile.

Palm Springs – what to do

Naturalmente la città è tutta da visitare, scoprire ed apprezzare; ma il tempo a disposizione ci costringe a fare delle scelte, così il giro tra i mulini a vento viene dimezzato; ma volendo è possibile realizzarlo anche con dei tour che si acquistano in città. Per godere appieno del panorama vale la pena salire sulla teleferica, posta a soli 3 miglia di distanza dalla città ed in funzione durante le ore di luce tutti i giorni. Volendo “toccare” i sentieri di queste splendide montagne ci sono oltre 50 miglia di percorsi segnalati in modo ineccepibile ed adatti ad ogni tipo di persona. Ovviamente a bordo di un Ford F150 noi andiamo a scoprire le parti più recondite, raggiungendo anche la vicina Palm Desert; dove tra le altre cose ci colpisce la produzione di datteri; frutto che abbiamo sempre collocato in medio Oriente.

Al tramonto è doveroso passeggiare lungo la storica main street, ove i negozi propongono prodotti di vario genere, dal vestiario elegante, ai più caratteristici negozi di souvenirs, di prodotti tipici del luogo. Si raggiunge così il parco destinato agli artisti, dove al momento è esposta un’opera dedicata ai bambini pensanti, che di fatto fa anche una certa impressione. A fianco un’immensa statua di Marylin Monroe sovrasta l’intero parco e domina le alte palme.

Palm Springs – soggiornare

La scelta di dove soggiornare in questa città, che di fatto conta circa 44 mila abitanti; è molto vasta. Infatti ci sono hotel e resort adatti ad ogni esigenza. Si va dalle ville in locazione per periodi di vacanza più lunghi, agli hotel in cui si può prenotare anche la spa ed il centro benessere; come ad esempio il Saguaro Hotel.

Questa struttura ci ha particolarmente colpito per il gusto moderno nei colori all’esterno di tutti gli edifici; poi una volta entrati, la reception si presenta color arancione, molte luci e cactus in vetro trasparente arredano in stile moderno ed allegro. Le dimensioni dell’hotel sono un altro aspetto incredibile, infatti le 4 ali racchiudono un’oasi con piscina, spazio per feste e giardino interno sul quale si affaccia anche il ristorante. Perciò una volta raggiunto il resort ci si può veramente dimenticare di tutto il resto e pensare solo al relax.

Noi naturalmente ci dedichiamo di più all’aspetto curiosità ed a bordo del nostro Ford F150, continuiamo ad esplorare le vie del centro e i passaggi più strani nella contea di Riverside.

Palm Springs – cosa mangiare

In città la scelta dei ristoranti è notevole, sia per qualità di prodotti, sia per la varietà della scelta, non mancano anche i riferimenti all’Italia, con le botteghe del gelato; alcuni ristoranti italiani; ma essendo noi curiosi di scoprire le cose più tipiche ci fermiamo al Gastropub 1501 e ne restiamo davvero colpiti. Infatti la qualità dei piatti è notevole e la scelta tra le bevande altrettanto; il clima è allegro, la struttura è grande, spaziosa e arredata in stile country molto bello. Insomma un locale per sportivi che sono anche golosi di cose buone.

Invece per colazione, che poi di fatto è diventato un pranzo abbiamo visitato il caratteristico locale The Farm, posto proprio al centro della “Plaza” in stile messicano. Qui si respira un area più contadina, sia per la costruzione, sia per la produzione delle materie prime, di ottima qualità e tutti prodotti a km zero. Si possono provare piatti tipici americani come i pancake, oppure prodotti in stile francese come i croissant e le omelette, tutti molto genuini; la frutta freschissima accompagna la colazione servita davvero abbondante.

Il nostro viaggio alla scoperta della contea di Agua Caliente Band of Cahullia Riserva Indiana di cui Palm Springs fa riferimento è stato davvero interessante, una sorpresa molto piacevole. Per conoscere meglio la città e tutte le sue particolarità si può fare riferimento al sito www.visitgreaterpalmsprings.com