logo motorsand png bianco
Cerca
Close this search box.

EAST AFRICAN SAFARI CLASSIC

Kenya

 

L’East African Safari Classic Rally, si è appena concluso in Kenia; con la grande vittoria di un pilota Italiano: Eugenio Amos navigato dal validissimo Paolo Ceci. I due, in un finale all’ultima curva; sono riusciti a mantenere il distacco di dieci minuti dalla Porsche 911 del fortissimo locale Baldev Chager, vincitore dell’edizione precedente.

EAST AFRICAN SAFARI CLASSIC – LA GARA

L’East African Safari Classic Rally rimane una gara di altri tempi; dove ci si misura con la storia in una prova molto dura che ha riportato alla mente il vero Safari dei tempi d’oro. Una rievocazione storica, ma  adattata ai nostri tempi; ovvero con delle prove speciali cronometrate da Rally, e non una corsa di resistenza tipo Dakar. Da quando l’East African Safari Classic Rally è stato ripreso in chiave più moderna, ad arricchire il suo albo d’oro troviamo molti dei nomi che hanno fatto la storia dei rally; e della gara Africana: Bjorn Waldegard, Stig Blomqvist, Ian Duncan.

Una gara di oltre 1500 chilometri cronometrati, con un percorso ricco di continui cambiamenti; spesso rivoluzionato a causa delle piogge che ha reso alcuni passaggi impraticabili a cominciare da molti guadi. Sfide continue in tutto il Kenya, con una durata di ben 9 giorni; ognuno dei quali intenso, impegnativo e particolarmente coinvolgente.

Amos-Ceci

Nella penultima tappa dell’ East African Safari Rally, Eugenio Amos, rimasto intrappolato nel  fango ha perso quasi sei minuti sul suo diretto inseguitore Chager. La risposta di Amos è stata prontissima e nella speciale seguente vince la tappa e riguadagna i sei minuti. L’ultima tappa è nettamente a favore di Eugenio, così da permettersi di fare gli ultimi quarantasei chilometri in tranquillità, ed anche Chager ha praticamente compreso l’impossibità di raggiungere il duo tricolore ha rallentato la sua andatura.

La terza posizione se la prende l’Austriaco Kris Rosenberg, che ad inizio mattinata approfitta del cedimento della frizione del francese Emile Breittmayer, obbligato al ritiro con il traguardo  oramai in vista. A chiudere la classifica dei primi cinque troviamo il britannico Bonamy Grimes, che precede la Datsun 280Z di Ian Duncan, il primo “non Porsche”, vettura che si è imposta nelle ultime cinque edizioni.

Foto da organizzazione

Tags :

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Telegram

Ultime notizie

nissan-ariya
Prove

Nuovo Nissan Ariya

Il Nuovo Nissan Ariya è un SUV interamente elettrico stupendo sia nel look che nello

rubicon sunset
Prove

JEEP RUBICON

Il nostro Jeep Rubicon giallo si è dimostrato un vero e proprio compagno di viaggio.

ventura Hail Baja
Gare

Hail Baja 2024

Hail Baja 2024 era la prima prova del campionato mondiale FIA Cross Country Bajas. Perciò

alba austria kuga
Prove

Nuovo Ford Kuga Hybrid

Nuovo Ford Kuga Hybrid: SUV efficiente e tecnologico Il nuovo Ford Kuga Hybrid è un

Traduci