Sunraysia Safari Rally  2017

Sunraysia Safari Rally  2017
Foto di OK Photo

Sunraysia Safari Rally  2017 Un’Australia come non la si era mai vista, finalmente dopo alcuni anni di pausa ritorna l’off-road rally in terra australiana. Quartier generale del Sunraysia Safari Rally è stata la cittadina di Mildura nello stato del Victoria. La gara si è svolta su 4 giorni di prove cronometrate e due di verifiche tecniche ed amministrative.

Il Percorso

Un totale di 2375km di cui il 95%  di prove cronometrate, attraverso paesaggi mozzafiato. Polvere, canguri e velocità sono stati gli ingredienti fondamentali di questa splendida competizione. Al via del Sunraysia Safari Rally si sono presentati un totale di 40 concorrenti tra auto e moto. Pronti a sfidarsi lungo tracciati color rame, immense distese sconfinate che han fatto attraversare  lo stato del Victoria,  il New South Wales.

Veicoli che conosciamo , quali Nissan, buggy, toyota, e veicoli che non  si vedono sui terreni di gara in Europa, come ad esempio le Holden o le Dutsun.  Ci sono stati problemi legati al gps ed ai percorsi paralleli che hanno portato qualche equipaggio ad allungare  i tempi delle speciali, come  il buggy di Luke Olholm, figlio d’arte.

Il papà, Joff Olholm ha corso nel mondiale FIA Cross Country,  una Dakar in Sud America; senza dubbio i percorsi delle gare australiane sono molto più affascinanti.

Organizzazione

L’organizzatore del Sunraysia Safari Rally  è Troy Bennett, appassionato di off road e pilota che abbiamo incontrato anche in competizioni fuori dall’Australia. Ha saputo riproporre ai concorrenti un percorso davvero entusiasmante, sostenuto dalle autorità locali e dall’esperienza di consolidati amici ed appassionati, come Bob Carpenter. Costui vanta un’esperienza trentennale nella realizzazione di road-book in terra australiana ed anche nel deserto degli Emirati Arabi.

Dicevamo di percorsi lunghi e veloci, realizzati tenendo bene in conto il tipo di veicoli che si sarebbero presentati, pertanto in mezzo al bush gli organizzatori hanno previsto punti di rifornimento carburante, in particolare per le moto, ogni 150km, così da favorire i centauri e tener conto della loro autonomia di marcia. Aspetto questo molto apprezzato da tutti i piloti moto, che nelle interviste a fine prova speciale ogni sera hanno espresso pareri favorevoli ed emozioni positive, anche se hanno avuto qualche problema tecnico e qualche lacuna nella navigazione, ma questo fa parte della gara vera e propria. Le classifiche della competizione ed altre informazioni sono disponibili sul sito http://www.rallymanagementaustralia.com.au

Sunraysia Safari Rally Sunraysia Safari Rally Sunraysia Safari Rally Sunraysia Safari Rally Sunraysia Safari Rally Sunraysia Safari Rally Sunraysia Safari Rally Sunraysia Safari Rally