Baja Aragon: tanti stili di guida off road

Baja Aragon: tanti stili di guida off road

La Baja Aragon 2017 ha visto una notevole presenza di concorrenti, sia nell’ambito del campionato FIA Cross Country, sia nel campionato Open Spagnolo, tra auto, moto, quad, atv, camion oltre 250 partenti. Il tracciato, decisamente interessante, ha toccato una vasta area della Provincia di Teruel. Campi coltivati, boschi, colline e tratti pietrosi, canyon dallo splendido colore ramato che nulla hanno da invidiare ai grandi canyon americani.

A Calamocha c’e anche il passaggio in un piccolo passo d’acqua, divenuto di particolare clamore per gli appassionati del Cross Country spagnolo e non.

La gara

Nell’edizione 2017 della Baja Aragon i concorrenti affrontavano questo tratto di prova speciale una volta il sabato a circa 60km dalla partenza ed una volta la domenica a circa 7km dalla partenza.

Lo spettacolo offerto dai diversi veicoli e’ stato incredibile, il pubblico infervorato ha fatto il tifo dal primo passaggio sino all’ultimo camion, nonostante la pioggia e la grandine. Il primo concorrente della Baja Aragon, di domenica mattina e’ stato Mikko Hirvonen con Handy Shulz a bordo della Mini X-Raid. Ha affrontato la curva rapido, convinto e sicuro, con traiettoria chiusa sulla destra ed un ingresso in acqua molto controllato. E’ stata poi la volta di Orlando Terranova,  con lo stesso veicolo, molto piu’ lento nell’arrivo alla curva e piu’ cauto nell’ingresso nel guado.

I piloti

Altri cinque minuti ( i primi tre concorrenti partivano ogni 5 minuti, poi i successivi 7 ogni 3 minuti e tutti gli altri ogni minuto) ed e’ arrivato Nasser Al Attiyah con la Toyota Overdrive. Veloce ed impetuoso ha completamente sbagliato la curva ed e’ finito sulla sinistra, nell’acqua a ridosso del pubblico, che e’ scappato via. Troppo veloce la Toyota!

Il “tremendo” pilota arabo sin da subito ha iniziato a spingere per recuperare il ritardo ed aggiudicarsi la vittoria della Baja Aragon

Tre minuti dopo e’ stata la volta di Nani Roma, con un’altra Toyota Overdrive, elegante e raffinato ha chiuso tutto a destra, posizionando le ruote addirittura sulla terra, come avevano fatto in precedenza alcune moto. Si e’ decisamente visto lo stile curato ed un po’ da motociclista del bravissimo pilota catalano. Lui è stato l’unico che andando allo start, si e’ fermato sulla strada asfaltata per scattare qualche selfie con gli appassionati che lo aspettavano. Quattro auto, due modelli diversi e quattro stili completamente diversi ed ognuno di essi spettacolare.

Baja Aragon Baja Aragon Baja Aragon Baja Aragon Baja Aragon Baja Aragon