Negev king Volkswagen Amarok

Negev king Volkswagen Amarok

Un viaggio magnifico in Israele alla scoperta del deserto del Negev, non potevamo sperare in un mezzo migliore del Volkswagen Amarok.

Un ringraziamento speciale va al nostro carissimo amico e collega Rami Gilboa, che ci è venuto a prendere all’aeroporto di Telaviv e ci ha accompagnato lungo questa entusiasmante avventura a bordo del Volkswagen Amarok V6 3.0 TDI litri cambio automatico a 8 rapporti da 258CV; coppia massima 500 Nm

Volkswagen Amarok look

Il look si presenta molto lineare, da subito si definisce come un veicolo imponente e molto comodo nell’uso sportivo, nell’uso lavorativo e nel tempo libero. Doppia cabina, sul Volkswagen Amarok prendono posto comodamente 5 passeggeri, lo spazio non manca. Le linee esterne molto quadrate riflettono un interno sobrio ed elegante al tempo stesso, con una serie di strumenti molto completa e di facile utilizzo. Dotato di ogni accessorio necessario alla sicurezza, dai sensori per le manovre, al sensore per il cambio di corsia. La sincronizzazione di dispositivi personali è facile e veloce, oltre ad essere molto intuitiva anche con l’uso della lingua ebraica.

Volkswagen Amarok in fuoristrada

Naturalmente, una volta giunti in Israele non potevamo non visitare il deserto del Negev, alla scoperta del paesaggio più suggestivo ed impressionante come il grande Cratere di Mitzpe Ramon, ed ovviamente anche le dune di Be’er Sheva. Insomma un percorso off road decisamente degno di nota. Su queste piste il nostro Volkswagen Amarok si è veramente disimpegnato molto bene, permettendoci una mobilità eccellente ed un divertimento di guida unico. Gli ostacoli superati facilmente, grazie alla potenza del motore. Accellerare sulla sabbia per evitare di insabbiarsi ed avere ancora potenza per avanzare, non ci sembrava vero.

Gli penumatici in dotazione, non erano eccessivamente tappati, avevano un disegno ideale anche per l’uso quotidiano sull’asfalto, quindi immaginavamo un’aderenza ridotta al minimo in fuoristrada, in realtà ci siamo dovuti ricredere, proprio perché sia sulla sabbia che sulle pietre non abbiamo avuto alcun problema. Gli pneumatici hankook sono montati su cerchi da 18 pollici, che non abbiamo nemmeno sgonfiato più di tanto nell’attraversamento delle dune più alte e nemmeno delle piste sabbiose che abbiamo solcato attraverso il deserto del Negev nelle aree più belle di Israele.

Un’altra nota molto positiva riguarda i consumi, infatti Volkswagen Amarok, nell’uso fuoristrada impegnato che abbiamo fatto in Israele, ha consumato in media 7.6 litri per 100km. Abbiamo percorso un totale di 1200km, di cui solo poche centinaia su autostrade ed asfalto; pertanto è doveroso sottolineare la qualità del motore e la resa che lo stesso ci permette. Il costo del carburante non Israele non si discosta molto dall’Italia, infatti un litro di gasolio costa circa 1.70 euro al litro.