2021 Baja Aragon

2021 Baja Aragon

Una gara davvero interessante, la Baja Aragon 2021 ancora una volta ha decretato la vittoria di Nasser Al Attiyah su Toyota Overdrive.

Ma andiamo con ordine; infatti al via di questa splendida competizione quest’anno si sono presentati oltre 130 concorrenti; provenienti dalle più diverse parti del mondo, hanno dato vita ad una sfida epocale.

2021 Baja Aragon – il programma

Per motivi legati alla situazione pandemica attualmente in corso, l’Organizzazione di Octagon ha dovuto realizzare alcune modifiche di base al programma; ma la capacità della macchina organizzativa; il duro impegno degli addetti ai lavori ha fatto veramente la differenza e, così, l’edizione 2021 è stata molto positiva.

Infatti il mercoledì si sono aperte le verifiche amministrative, compreso il controllo covid per tutti i partecipanti, con test rapidi a carico dell’organizzazione e controllo documenti. 

Dopodichè il giovedì ha visto lo svolgersi delle verifiche tecniche ed amministrative, protratte a lungo dato il numero di partecipanti.

Il venerdì una prova speciale con partenza da Bañon lungo un tracciato di 180km; questi caratterizzati da piste pietrose, tanta polvere ed un guado piuttosto impegnativo.

Sabato due prove speciali, la prima di 148km con partenza da Monreal del Campo; perciò attraversamento di immense coltivazioni di mais, tratti trialistici ed ancora tanta tanta polvere. La seconda prova speciale del sabato partiva sempre da Bañon, con un giro più lungo, per un totale di 210km, si inseriva poi in parte del tracciato del venerdì.

Un percorso complessivamente molto bello, realizzato dal team di Promotorevents, la cui esperienza decennale nel mondo dell’off road , ha fatto ancora una volta la differenza.

2021 Baja Aragon – i partecipanti

L’elenco iscritti dell’edizione 2021 della Baja Aragon era veramente incredibile; infatti i più grandi nomi del presente corsaiolo ed alcuni del passato, hanno dato vita ad una battaglia unica.

Tra i team ufficiali, ovviamente, non sono mancate le toyota overdrive di Nasser Al Attiyah, di Yazeed Al Rajhi, di Erik Van Loon. Mentre X-Raid Team ha iscritto ben 5 mini, tra cui Yasir Saedan ed anche la Jutta Klenschmidt.

Un altro team molto forte, che ha subito dominato i primi gradini del podio è stato il BRX Bahrain Raid Xtreme, i tre veicoli portati in gara erano guidati rispettivamente da Sebastian Loeb, da Nani Roma e da Orlando Terranova.

Le nazionalità degli iscritti ha superato quota 30 diversi paesi, tra cui Sud America, Europa intera, Russia e Medio Oriente. Naturalmente oltre a spagnoli e portoghesi anche un rappresentante italiano ha tenuto alto i colori della nostra bandiera. Si tratta di Amerigo Ventura, navigato da Angelo Montico, che hanno schierato al via il loro yamaha YXZ1000.

2021 Baja Aragon – la gara

Quest’anno niente prologo alla Baja Aragon 2021, perciò l’ordine di partenza della prima tappa, delle prime dieci posizioni è stato estratto a sorte; dopodichè in ordine numerico. Quindi ad aprire la traccia per la prima tappa di ben 180 km complessivi è stato Sebastian Loeb; che ha anche guadagnato la vetta della classifica distanziato da Nasser Al Attiyah di solo un secondo. Al terzo gradino del podio si è inserita la Mini di Ekstrom; mentre la toyota di Yazeed Al Rajhi è giunta al quarto posto. Amerigo Ventura e Angelo Montico hanno fatto una prova molto bella, regolare grazie anche alla robustezza del Yamaha.

Sabato la situazione si è fatto interessante sin da subito, la prima prova della giornata era lunga 112km cronometrati ed ha visto il recupero di Orlando Terranova, che è riuscito a concludere in seconda posizione; mentre la Mini di Krzysztof Holowczyc ha subito un danno al motore e quindi il pilota polacco si è ritirato.

La speciale più dura sicuramente era la terza; con i suoi 208km di cronometro, ha reso le cose difficili praticamente a tutti tranne che al pilota che, dal Qatar, oramai vince ogni cosa.

2021 Baja Aragon – la finale

Infatti  Nasser Al Attiyah ha raggiunto il podio finale, lasciandosi dietro il rallista svedese Mattias Ekstrom con la Mini , ed anche il saudita Yazeed Al Rajhi con la stessa sua Toyota. 

Il prototipo BRX di Sebastian Loeb ha accusato qualche problema di elettronica ed il pilota è scivolato in 7 posizione purtroppo.

Nell’ultima prova speciale anche l’equipaggio italiano Ventura/Montico ha subito qualche contraccolpo; infatti alla fine della giornata i due piloti si dichiarano molto soddisfatti del risultato. Ammettono, però, che la competizione è davvero tosta, sia per il tipo di terreno sia per la tanta polvere e non ultimo il caldo. Infatti in questi giorni si sono registrate temperature da 33 a 46 gradi.

Per le classifiche dettagliate consultare la pagina ufficiale della gara www.bajaaragon.com