Dacia Duster un proiettile

Dacia Duster un proiettile

Con la Dacia Duster abbiamo avuto modo di vivere un’avventura molto interessante; 5000km in una settimana, alla scoperta della Polonia.

Ma andiamo con ordine, infatti prima di tutto raccontiamo un po’ com’è la Dacia Duster.

Dacia Duster – tecnologia

La versione che abbiamo usato è la Prestige 4×4, con motore diesel DCI da 1,5 litri e ben 110cv. Un motore che ci ha piacevolmente sorpresi; parco nei consumi, anche a velocità sostenute. Abbastanza brillante nelle riprese, ottimo nella guida off road; anche su passaggi piuttosto impegnativi. Caratteristica questa aiutata dalla presenza del cambio manuale a 6 rapporti; abbinato alla trazione integrale. La trazione è gestibile tramite un pulsante a rotella posto sul tunnel centrale vicino alla leva del cambio, con la posizione 2WD, AUTO e 4WD, inseribili anche in movimento.

All’interno la strumentazione è particolarmente ricca, ad iniziare dal supporto alla navigazione, passando per il cruise control. Sistemi di sicurezza aggiuntivi, sensori per il rilevamento di ostacoli sia all’anteriore che al posteriore.

Dacia Duster – comfort interno

Lo spazio all’interno di Dacia Duster non manca, infatti è un suv omologato per 5 passeggeri e ci stanno veramente comodi. Questo simpatico bolide, infatti è lungo 4,35mt, largo 1,80mt ed alto 1,69mt. Il vano bagagli va da 411 litri a 1444 litri, perciò ci si può caricare ogni cosa.

I materiali interni sono in linea con lo stile Dacia, i sedili e le rifiniture richiamano i colori della carrozzeria, non mancano vani portaoggetti e quindi spazio vivibile sia davanti sia dietro.

Dacia Duster – esperienza di guida

Dove andiamo? A Stettino, sono solo 1298km da casa, praticamente dietro l’angolo. Dacia Duster non si spaventa; caricato a bordo un po’ di tutto accendiamo il motore, con l’accensione a pulsante. Ricordiamo che questa versione è dotata anche dello start & stop, che si rivela utile per i consumi.

Abbiamo fatto il pieno quindi ci mettiamo in movimento, ovviamente fino al confine niente autostrada, così approfittiamo di una sosta per un caffè in più, poi la prima sosta quando il serbatoio è vuoto. Accipicchia, questo serbatoio sembra infinito! In realtà è di soli 45 litri, ma ad un’andatura tranquilla si percorrono ben 680km.

Finalmente la spia del carburante si accende, siamo già in Germania, perciò cerchiamo un Autohof, dove il carburante costa meno rispetto alle stazioni di servizio autostradali; più o meno come succede in Italia; riempiamo il serbatoio e facciamo la media dei consumi più di 15km con un litro di gasolio.

In Germania la guida in autostrada risulta essere a fisarmonica; infatti ci sono tratti senza limite di velocità, in cui tutti corrono, per poi arrivare a frenare all’improvviso perché un cartello luminoso indica un 120km/h. Abbiamo provato a lanciare la nostra Dacia Duster ed è stato davvero sorprendente…. Non diciamo quanto ha raggiunto, diciamo solo che i consumi di carburante sono aumentati. Ma non c’è problema siamo giunti in Polonia e qui il carburante costa 1,05 euro al litro.

Visitiamo la città di Stettino, di Dobra, raggiungiamo l’area militare di Drawsko Promoskie, percorriamo piste sterrate, zigzaghiamo tra gli alberi ed il bello è che passiamo ovunque senza alcuna difficoltà. Abbiamo definito la nostra Dacia Duster un proiettile di auto: una volta che si mette in moto non si ferma più. Senza dubbio questa è stata una tra le best prove online ed offline realizzate.