RALLY POREC 2020

RALLY POREC 2020
21 INA RALLY POREC

Si è concluso questo fine settimana il Rally Porec, giunto alla sua ventunesima edizione. Il paesaggio, il percorso, il clima davvero accoglienti, per una manifestazione che, seppur breve, ha regalato a tutti tanto divertimento.

Ma andiamo con ordine, infatti la via si sono presentati ben 67 equipaggi più 5 equipaggi in una categoria non FIA; un totale di oltre 70 coloratissimi veicoli che hanno ripercorso la storia del mondo dei rally. Così abbiamo avuto la possibilità di ammirare le Ford Escort degli anni settanta, ottanta; oltre alle favolose Skoda Fabia ed Hyundai I20 R5; inoltre non sono mancate le simpatiche Yugo, che hanno chiuso la classifica.

INA Rally Porec  programma

Il Rally Porec fa parte del Campionato Fia Rally Croazia; l’Organizzatore è l’Auto Club Porec, coadiuvato dalle autorità croate. Il tracciato è davvero molto bello e quest’anno prevedeva ben 4 diverse prove speciali da ripetersi ognuna due volte.

Quindi iniziando venerdì con la consegna dei road-book agli equipaggi ed agli addetti ai lavori; la manifestazione è poi proseguita con le verifiche tecniche ed amministrative, alcune ore di prove libere ed il palco partenza alla sera, per presentare nel dettaglio ogni equipaggio ed ogni veicolo e ringraziare tutti gli sponsor e le autorità.

Durante la presentazione, è stato trasmesso un messaggio di Jean Todd, che ha voluto congratularsi con gli organizzatori perché nel 2021 la Croazia entrerà a far parte del Mondiale Rally.

INA Rally Porec tracciato

La lunghezza complessiva della gara era di 264km suddivisi tra 8 prove cronometrate e qualche trasferimento. Le prove speciali al mattino sono iniziate con quella di Tar, lunga 9,8km e prospicente al mare per un tratto. Poi  via verso Zbandaj ed altri 10,5km di cronometro. Questo percorso è stato ripetuto due volte; ma non sono mancati problemi meccanici e tecnici per alcuni equipaggi che non sono giunti al riordino al quartier generale allestito vicino allo stadio di Porec.

Nel pomeriggio il percorso si è spostato verso Flengi con una prova speciale di 10,5km e poi Kanfanar di altri 10 km; anche in questo caso i veicoli sono transitati due volte.

Aspetto questo molto positivo, per il pubblico, poiché il primo giro si controllano le note prese, ma dal secondo si corre veramente. 


INA Rally Porec concorrenti

Le prove speciali hanno visto l’alternarsi di diversi risultati, naturalmente favorito era l’equipaggio numero 1 con la Hyundai I20 R5 Rok Turk e Blanka Kacin; ma anche la Ford Fiesta RC4 di Niko Pulic e la Ford Fiesta R5 di Ales Zrinski non hanno scherzato.

Naturalmente non sono mancati gli equipaggi italiani; tra costoro Paolo Pasutti con Gian Battista Campeis sulla Ford Sierra Cosworth e nella categoria locale tutta la famiglia Da Rin Spalletta; rispettivamente Piero Da Rin su una Fiat 500 e Matteo Da Rin sulla Honda Civic; quest’ultimo, navigato dalla compagna Manuela Mocchiutti, ha vinto la categoria alla fine della gara. Un quarto equipaggio italiano con la Peugeot, quello di Gilberto Parlotti, non ha avuto buona fortuna; infatti dopo la 4 prova speciale il motore ha ceduto e così l’equipaggio si è visto costretto al ritiro.

Il vincitore quindi è stato l’equipaggio favorito su Hyundai I20 R5, seguito dalle due Ford Fiesta, quindi un podio interamente sloveno.

Tutte le classifiche sono disponibili sul sito https://rallyporec.wixsite.com/rallyporec